Italian Italian

Lista completa degli Eventi realizzati e futuri

Eventi

Mese precedente Giorno precedente Prossimo giorno Prossimo mese
Per Mese Per Settimana Oggi Cerca Salta al mese
Scarica il file iCal
 
Decrescita e marxismi
Venerdì 17 Giugno 2022, 16:00 - 19:00
Visite : 1703
Contatto Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Ormai molti autori stanno affrontando il nodo del rapporto tra il pensiero marxista e quello ecologista (vedi Ian Angus;  Michael Löwy, Bengi Akbulut, Sabrina Fernandes, Giorgos Kallis, Per una decrescita ecosocialista; Joel Kovel; H. Pena-Ruiz,  Karl Marx penseur de l’écologie, Seuil, Paris 2018; K. Saïto, La nature contre le capital. L’écologie de Marx dans sa critique inachevée du capital,  Syllepse, Parigi 2021; e altri). E la questione è ben presente anche in Italia da tempo. Basti pensare a figure come Laura Conti, a Giorgio Nebbia e a Marino Badiale che più di dieci anni fa, assieme a Bontempelli, scrisse il fondamentale Marx e la decrescita.

Abbiamo quindi pensato che non potesse mancare - nel percorso che porta all'incontro di settembre a Venezia - un lavoro di riflessione su queste tematiche ed abbiamo quindi organizzato un seminario di approfondimento sul tema: "Decrescita e marxismi", a cura del Gruppo Pensionati Critici di Mestre.

L'incontro sarà coordinato da Maurizio Ruzzene (economista, associazione della decrescita), con interventi di Marino Badiale (autore di Marx e la decrescita, Biblio 2010), Giovanni Mazzetti (economista),  Marino Ruzzenenti (storico, Fondazione Micheletti), Maria Turchetto (storica ed economista), Michele Cangiani (economista e storico) e Roberto Musacchio (Transform! Italia).
 

Diretta facebook sulle pagine dell'Associazione per la decrescita e di Venezia 2022.

Qui la locandina dell'evento, qui il documento di base dell'evento. Altri documenti di approfondimento sono disponibili in questa cartella

 

Guarda la registrazione dell'evento

Luogo Via Buccari 22 Mestre (VE) - presso il Circolo “E. Battain” di Rifondazione Comunista